UCCISO PER AVER IMPORTUNATO LA MOGLIE DEL BOSS: 7 ARRESTI

Notizie dalla Puglia -

Uccisero il nipote di un boss per «punirlo» di avere importunato la moglie di un altro boss del quartiere. Sette arresti a Bari per l’omicidio di Donato Sifanno, avvenuto il 15 febbraio 2014 nel quartiere San Paolo. La Polizia di Stato ha eseguito dette provvedimenti di custodia cautelare in carcere nei confronti di appartenenti ai clan alleati “Montani-Misceo” e “Telegrafo”. La vittima, nipote del boss del rione Giovanni Mercante, fu raggiunta da numerosi colpi calibro 7.62 esplosi da un Kalashnikov, mentre era a bordo della sua autovettura. I sette arresti sono stati eseguiti dagli uomini della squadra mobile. L’accusa è di omicidio aggravato in concorso tra loro, nonché di porto e detenzione di armi da sparo e ricettazione.

 

Per commentare accedi con i tuoi dati, se non sei registrato puoi farlo qui.

 

 

Monopolipress.it - Testata giornalistica on line registrata al tribunale di Bari il 19-11-2012 - Nr. R.G. 2676/2012 - Num. Reg. Stampa 43
Direttore responsabile Ruggero Cristallo, Ass. culturale Talento Inedito Editore C.F. 93449380729 - Contattaci - redazione@monopolipress.it
      
Powered by ActiWeb