Referendum costituzionale, opzioni per gli elettori dall'estero

Cronaca -

In occasione del referendum costituzionale di domenica 20 e lunedì 21 settembre 2020, gli elettori residenti all’estero, iscritti nell’anagrafe degli italiani residenti all’estero (A.I.R.E.) votano per corrispondenza nella “Circoscrizione Estero” e, pertanto, i loro nominativi vengono inseriti d’ufficio in apposito “elenco elettori”.

Tuttavia è fatta salva la loro facoltà di votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione, valida per un’unica consultazione.

Il diritto di optare per il voto in Italia degli elettori residenti all’estero, ai sensi degli artt. 1, comma 3, e 4 della legge n. 459/2001, nonché dell’art. 4 del D.P.R. n. 104/2003, deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all’indizione del referendum – intendendo riferito tale termine alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di indizione – e cioè entro il prossimo 28 luglio 2020.

L’opzione (il cui fac simile è qui reperibile oltre che presso i consolati, oppure informaticamente sul sito www.esteri.it) dovrà pervenire all’Ufficio Consolare operante nella circoscrizione di residenza dell’elettore e potrà essere revocata entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.

Eventuali opzioni effettuate in occasione di precedenti consultazioni politiche o referendarie non hanno più effetto. 

 Modulo (.pdf)  -    Modulo(.rtf)

 

Per commentare accedi con i tuoi dati, se non sei registrato puoi farlo qui.

 

 

Monopolipress.it - Testata giornalistica on line registrata al tribunale di Bari il 19-11-2012 - Nr. R.G. 2676/2012 - Num. Reg. Stampa 43
Direttore responsabile Ruggero Cristallo, Ass. culturale Talento Inedito Editore C.F. 93449380729 - Contattaci - redazione@monopolipress.it
      
Powered by ActiWeb