PENSIONATO UCCISO A MARTINA: DUBBI SUL MOVENTE

Notizie dalla Puglia -

Sarà fissata oggi dal giudice delle indagini preliminari del tribunale di Taranto l'udienza di convalida del fermo di Angelo Semeraro, 33enne di Martina Franca, che ha confessato l'omicidio di Martino Aquaro, il pensionato Inps, di 69 anni, trovato morto nel pomeriggio di sabato davanti alla rimessa della sua abitazione di campagna, in via Madonna Piccola in agro di Martina Franca. L'interrogatorio probabilmente si terrà domani. Nelle prossime ore il pm Ida Perrone affiderà anche l'autopsia sul corpo della vittima. Aquaro è stato ucciso con il bastone spezzato di una scopa e un coltello. I colpi sono stati sferrati alla testa, al volto e alle spalle. Ci sono ancora dubbi, però, sul movente dell' omicidio. Pare che Semeraro durante l'interrogatorio non abbia detto di essere stato sorpreso a rubare nella villa, anche se quella del tentativo di furto finito male è stata la prima ipotesi degli inquirenti. Non è escluso, però, che i due uomini si conoscessero e che abbiano litigato per una ragione imprecisata. Il sospettato è stato individuato grazie alle riprese di una telecamera privata. Gli agenti del Commissariato di Martina Franca hanno trovato tracce ematiche su un jeans del 33enne, che era stato lavato, sulle suole delle scarpe e su un giubbotto. Da chiarire anche la presenza di un lenzuolo macchiato di sangue, ritrovato sul luogo dell'omicidio. A scoprire il corpo di Aquaro è stata sua moglie, che lo aveva accompagnato nel primo pomeriggio nella villa ed era andata a riprenderlo dopo una visita ai vicini. 

 

Per commentare accedi con i tuoi dati, se non sei registrato puoi farlo qui.

 

 

Monopolipress.it - Testata giornalistica on line registrata al tribunale di Bari il 19-11-2012 - Nr. R.G. 2676/2012 - Num. Reg. Stampa 43
Direttore responsabile Ruggero Cristallo, Ass. culturale Talento Inedito Editore C.F. 93449380729 - Contattaci - redazione@monopolipress.it
      
Powered by ActiWeb